Cerca nel sito

04/04/2014

Pronto intervento a seguito dei danni causati dalle forti precipitazioni nei mesi scorsi. La Regione Piemonte importanti risorse a favore di 99 Comuni piemontesi.

"La Regione Piemonte ha sbloccato importanti risorse (3 milioni e 300 mila euro) per permettere a 99 comuni piemontesi  di dare corso alle ordinanze sindacali e agli interventi più urgenti per la messa in sicurezza del territorio a seguito dei danni causati dalle forti precipitazioni nei mesi scorsi."

Lo comunica in una nota il Presidente del Consiglio regionale del Piemonte Valerio Cattaneo.

"Si tratta - spiega Cattaneo - principalmente di danni alla viabilità comunale e a frane che, in alcuni casi, hanno interessato frazioni abitate, di crolli di massi su frazioni abitate, di erosioni delle sponde e di allagamenti di fiumi o torrenti minori.

Per quanto riguarda il Verbano Cusio Ossola, al momento sono 6 i comuni interessati da questo provvedimento della Giunta Cota:

  • Craveggia 15.122,00 euro (strada comunale La Vasca - Blitz)
  • Falmenta 3.200,00 euro (strada comunale per Camberto e per Crealla)
  • Ghiffa 53.000,00 euro (scarpata tra via De Amicis e area uso attività scolastica)
  • Ghiffa (emergenza)160.000,00 euro (ripristino funzionalità idraulica del rio della Vigna)
  • Trarego Viggiona 25.000,00 euro (cedimento della carreggiata esterna via per Viggiona)
  • Varzo 70.000,00 euro (opere di difesa della strada di accesso Case Giorgio)
  • Villadossola 21.127,00 euro (strada comunale per la frazione Tappia)

Per un totale complessivo di 347.449,00 euro !                         

La Giunta ha destinato propri fondi regionali per far fronte alle emergenze segnalate dai Comuni, dimostrando vicinanza ai Sindaci, sempre in prima linea per la difesa del proprio territorio, insieme ai volontari della Protezione Civile. Molto resta ancora da fare - sottolinea Cattaneo - e per completare il programma si attendono riscontri positivo dal Dipartimento della Protezione Civile, a cui è stata inoltrata richiesta di riconoscimento dello stato di calamità per i territori colpiti, laddove al momento non si è riusciti a intervenire".

 

Bookmark and Share
Versione per stampa